gatto operato alla coda

Domanda da pedrone il 06/03/2017

buongiorno, ilgatto di 8 anni e’ statoinvestito perdendo l’uso della coda.’ stato operato non ha moncone ma una ferita in fondo alla schiena.DSi e’ ripreso bene salvo inconinenza a feci ed urine.E’ stato operato 3 gg.fa’.Ora lo laviamo,alimentiamo e tenuto pulito-C’e’ speranza che recuperi inparte il problema della incontineza.Grazie giuseppe

RISPOSTA DA “IL VETERINARIO RISPONDE”:
Gentile Cliente, purtroppo è difficile darle una risposta. Le capacità di recupero dipendono dall’entità del danno e dalle caratteristiche soggettive del suo micio. Tuttavia, essendo stato operato solo da 3 giorni, ci sono ancora ampie possibilità che recuperi totalmente od in parte. Le auguro buona giornata. Cordiali saluti

Coniglio all’aperto

Domanda da Sal92 il 06/03/2017

Buongiorno, ho un coniglio testa di leone maschio di 4 anni che pesa 3kg. È abituato a vivere nel giardino in primavera ed in estate, in autunno alterno interno/esterno in base al tempo mentre in inverno vive in casa. Quando vive in gabbia lo vedo sofferente ma anche se ha la possibilità di vagare per la casa, fa brevi tratti e rientra; per questi motivi volevo capire se può creargli problemi cominciare già ora a stare fuori durante la giornata. Quali sono le temperature ideali per un coniglio? Avendo vissuto l’inverno in casa, ha fatto il pelo necessario per le basse temperature? Alla sera quando rientra in casa, può ammalarsi per lo sbalzo termico? Finora non ho avuto problemi perché disponevo di un garage. Grazie

RISPOSTA DA “IL VETERINARIO RISPONDE”:
Gentile Cliente, in realtà i conigli soffrono molto più il caldo che il freddo, vivono bene intorno ai 2-3 gradi, mentre possono andare in sofferenza sopra i 28 gradi (questo vale soprattutto per i conigli abituati a vivere sia all’esterno che in casa). Faccia però attenzione agli sbalzi termici perchè possono essere molto pericolosi per i conigli. Quindi, se il suo coniglio è abituato a stare sia in casa che all’aperto e fino ad ora non ha mai avuto problemi, con un pò di accorgimenti volti a ridurre lo sbalzo termico, può tranquillamente iniziare a lasciarlo fuori durante il giorno. Le auguro buona giornata. Cordiali saluti

Cane Shar-pei gratta.

Domanda da Russa il 03/03/2017

Buon giorno. Perdoni per il mio italiano. Sono il russo, vivo in Italia quasi tre anni. Ho una razza di cane Shar-Pei, i suoi 7 anni. Abbiamo un problema frequente, si gratta. Avviene si rode finché non sanguina. Non sappiamo più che fare. Aiuto.

RISPOSTA DA “IL VETERINARIO RISPONDE”:
Gentile Cliente, le cause di grattamento nei nostri animali possono essere davvero molte. Infezioni parassitarie (pulci, zecche, acari), reazioni avverse agli alimenti (intolleranze o allergie a determinati ingredienti), dermatiti batteriche o allergie ambientali (atopie), sono solo alcuni dei fattori che possono determinare prurito. Per prima cosa, qualora non lo avesse ancora fatto, le consiglio di mettere subito un antipulci al suo cane e poi le consiglio di portarlo dal suo medico veterinario, che seguendo un corretto iter diagnostico saprà indicarle la causa e la terapia più adeguata al problema del suo cagnolino. Le auguro buona giornata. Cordiali saluti

consulenza veterinaria

Domanda da lillo il 23/02/2017

il mio Yorkshire meticcio di anni uno si gratta continuamente ma non c’e nulla sulla pelle. nessuna screpolatura. viene pettinato e pulito normalmente. Mangia spesso prodotti acquistati da Eurospin.

RISPOSTA DA “IL VETERINARIO RISPONDE”:
Gentile Cliente, le cause di prurito nei nostri animali sono davvero molte. Infezioni parassitarie (pulci, zecche, acari), reazioni avverse agli alimenti (intolleranze o allergie a determinati ingredienti), dermatiti batteriche od allergie ambientali (atopie), sono solo alcuni dei fattori che possono determinare prurito. Per questi motivi le consiglio di rivolgersi al suo medico veterinario, che seguendo un corretto iter diagnostico saprà indicarle la causa e la terapia adeguata al problema del suo cagnolino. Le auguro buona giornata. Cordiali Saluti

gatto vomita

Domanda da sara il 22/02/2017

Il mio gatto da qualche giorno mangia poco e vomita un muco trasparente. Che cosa potrebbe avere? SAluti

RISPOSTA DA “IL VETERINARIO RISPONDE”:
Buongiorno Gentile Cliente, purtroppo le cause di vomito nei nostri animali possono essere veramente molte. Gastriti, ingestione di corpi estranei, infezioni parassitarie, voracità nel mangiare il cibo, problemi epatici, pancreatiti, intolleranze alimentari e bruschi cambi di alimentazione, sono solo alcuni dei fattori che possono provocare vomito. Se gli episodi di vomito sono diversi e vanno avanti da più di un giorno, risulta prioritaria una visita medico veterinaria per fare una corretta diagnosi e la giusta terapia. Le auguro buona giornata. Cordiali saluti